martedì 21 febbraio 2012

Krapfen Retrò per un martedì decisamente grasso



Anolina è tornata e non vedeva l'ora di raccontarvi la nostra prima esperienza con il "fritto"...o almeno la prima esperienza seria che ha portato ad un buon risultato! Dovete sapere che abbiamo una specie di antipatia verso le cose fritte; non perchè non ci piacciono è, anzi!!! E' solo che quell'odore che si propaga alla velocità della luce per tutta la casa impregnando ogni cosa ci fa proprio innervosire (credo che molti di voi ci capiranno).
Questa volta però Anolina, tornata dal suo meritato riposo, ha deciso che almeno una volta dovevamo seguire la tradizione dei dolciumi fritti per carnevale ed  è stato così che abbiamo iniziato a sfogliare giornali e libri vari per trovare una ricetta che ci piacesse...
Cosa è successo? Bè ne abbiamo trovate ben 2; una la volevamo fare da molto tempo ed è la torta fritta ma di questa vi parlerò in un altro post e l'altra la trovate proprio qui sotto. Essendo la prima volta non mi sono permessa di fare modifiche (la verità è che non avevo molta voglia di friggere nuovamente in caso di errore).  :)
Forse starete pensando che la scelta non è molto originale ma qua siamo un pò legate ai ricordi e quei mini krapfen ripieni di cioccolata che mangiavo a Carnevale, con la mia amica Giulia, sono rimasti nel cuore!!!Ok, questi non sono gli stessi e io non ho un vestito adatto, però hanno sortito il loro effetto...


Vi presento i "KRAPFEN RETRò"(sperando di riuscire, prima o poi, ad avere anche la ricetta originale dalla nonna di Giulia):
380gr farina
250gr zucchero
120ml latte
1 bustina lievito di birra
2 tuorli
60gr burro
olio di semi
sale
marmellata ai frutti di bosco
Scaldare il latte, versarvi il lievito e 120gr di farina; lasciar riposare in luogo tiepido per 30 minuti in una ciotola coperta con la pellicola.
Unire poi i tuorli, 60gr di zucchero, 260gr di farina,un pizzico di sale, il burro sciolto e lavorare per qualche minuto. Coprire ancora con la pellicola e lasciar riposare 2 ore. Infarinare il piano di lavoro e stendere l'impasto con il mattarello (circa mezzo centimetro); tagliare dei dischetti e disporre al centro della metà di essi un pò di marmellata. Spennellare i bordi con un pò di latte tiepido e coprirli con i dischetti vuoti facendo una leggera pressione per farli aderire. Lasciateli riposare altri 20 minuti e friggeteli in una pentola con olio di semi a circa 180° girandoli ogni tanto fino a farli dorare.
Asciugarli su carta assorbente e passarli subito nello zucchero.


Se poi prendete un vassoio come quello della foto, aggiungete un pò di marmellata (quella del ripieno non basta mai) e ve lo portate a letto con un bicchierone di latte, sarà la "colazione delle meraviglie"...a questo punto chi avrà bisogno di un costume!?saremo già nel bel mezzo di un non-compleanno e come Alice potremo perderci nel mondo dei sogni! 
Ovviamente il tutto è consigliato per la mattina del vostro giorno di riposo. :)
A me la ricetta è piaciuta e credo che per Pasqua farò il bis; magari cambiando ripieno e facendoli a forma di uova...chissà!
Quello che so è che qui sarà decisamente un martedì "grasso"; please fatemi compagnia così mi sentirò meno in colpa. ;)




Con questa ricetta partecipo al contest di About Food:


PASQUA

20 commenti

  1. che buoni! nemmeno io amo friggere ma per l'ha fatto mia suocera! :-D
    ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un duro lavoro ma qualcuno lo deve pur fare :P
      ciao e grazie!!!

      Elimina
  2. Anche io non amo friggere per lo stesso tuo motivo...Però come mangio volentieri i fritti! E difficilmente riuscirei a fermarmi al primo krapfen addentato :)! Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti anche io non ho resistito e me ne sono mangiata 3..meno male che sono piccoli e non ne ho fatti tanti :)
      Buona giornata anche a te!!!!

      Elimina
  3. Io sono la regina dei fritti!! Friggo 1-2 volte l'anno ma vengono benissimo. Sabato ho fritto per 6 ore di fila: chiacchere a go-go per tutto il quartiere (che posterò a brevissimo). La prossima volta vai di crema, se il martedì (o mercoledì, giovedì, venerdì...) deve essere grasso, tanto vale farlo grassissimo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì???allora proverò sicuramente le tue ricette dei fritti...la crema non l ho messa solo perchè non mi piace tanto, non volevo fare la brava :P
      Un bacio!

      Elimina
  4. Non amo friggere neanch'io, quando posso evito sempre e solo a Carnevale faccio un'eccezione!!! Sono bellissimi... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo carnevale convince proprio tutti a friggere almeno un dolcetto :)
      Baci

      Elimina
  5. beh, bellissimi! chi se ne fa qualcosa del costume? ma della prova costume che mi dici?
    chissenefrega, l'estate è lontana e io ti farò compagnia al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che tasto dolente...tra qualche mese la prova costume diventerà l'incubo peggiore :P

      Elimina
  6. sai cosa faccio io quando friggo per evitare che l'odore si propaghi per casa? accendo un fornelletto diffusore di oli essenziali e ci metto olio di lavanda, vicino al fornello così: se friggo e la porta è alla mia destra , a destra, vicino al fuoco posiziono il fornelletto, praticamente si forma un muro che blocca l'uscita dello sgradevole olezzo.
    prova e poi fammi sapere!
    superfluo dirti che le tue foto mi piacciono sempre più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del consiglio (e anche dei complimenti)!!!!!!la prossima volta proverò sicuramente :D
      Un abbraccio

      Elimina
  7. ciao, Anolina
    ma quante cose ci hanno incuriosito!!
    I tuoi Krapfen bellissimi serviti in ciotoline bellissime
    (abbiamo anche noi lo stesso disegno!)
    la torta fritta (se è quella di Parma) è la nostra ricetta del cuore e l'abbiamo postata anche recentemente.
    è inutile dirti che ci siamo aggiunte ai tuoi lettori e un grande bocca al lupo per il contest!
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) certo che la torta fritta è quella di Parma, questa settimana la pubblico...grazie dei complimenti!!!!ora vado a curiosare nel vostro blog.
      A presto :D

      Elimina
  8. Come fai a vivere senza fritti??? Dolci o salati che siano sono davvero appaganti!
    Adesso che arriva la bella stagione puoi spalancarele finestre x far uscire l'odore e... sbizzarrirti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No infatti non rinuncio ai fritti...solo preferisco che siano gli altri a prepararli :P
      Ma adesso che ho tutti questi consigli sicuramente friggerò più spesso!!!
      A presto :)

      Elimina
  9. sembrano deliziosi... e le foto sono splendide!

    RispondiElimina

© la gelida anolina . All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig